Dopo i raid, torna la diplomazia | Usa, nuove sanzioni a Mosca | Mattarella e la via per un governo | Il Montenegro anti-russo | I conti di Netflix

L’ORA DELLA DIPLOMAZIA
A due giorni dall’incursione militare a guida Usa sulla Siria, torna a riunirsi oggi il Consiglio di Sicurezza Onu: l’obiettivo dei Paesi occidentali, scrive il Guardian, è quello di far seguire alle armi la diplomazia ripulendo una volta per tutte la Siria dalle armi chimiche. In accordo con Washington e Londra, la Francia ha invitato la Russia a tornare al tavolo della trattative diplomatiche sulla Siria, riporta La Stampa: l’apertura è stata fatta ufficialmente dal ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian in un’intervista al Journal du Dimanche.

Tra gli alleati occidentali e la Russia la tensione resta però altissima:
*Donald Trump è tornato a rivendicare la “precisione” dell’operazione di venerdì notte, definendola perfetta. Dopo il richiamo dell’ambasciatrice all’Onu Nikki Halley su nuovi possibili attacchi contro Assad, ad essere colpiti saranno fin d’ora i russi: oggi la Casa Bianca annuncerà nuove sanzioni contro le aziende del Paese che collaborano col regime di Damasco (Washington Post).

*Vladimir Putin In una telefonata col leader iraniano Rohani ha tuonato contro l’iniziativa anglo-franco-americana: “Se l’Occidente attacca ancora, sarà il caos globale” (Reuters). Intervistato dal Corriere, il consigliere […]